Curiosità

Dalla terra alla mensa

Amici ciaooooooooooo, scusate l’assenza ma sono stata un po male, oggi vi presento un riso che mi ha colpito molto per le sue spiccate qualità!

DSCF5701

La storia dell’Azienda agricola Ferraris comincia nel 1890, è la storia di una dinastia di agricoltori insediatasi nel novembre 1914 sui terreni della tenuta Torrone-Cagna di Bianzè e che è giunta viva e vitale fino ai nostri giorni; condotta da quattro generazioni della stessa famiglia. È una azienda familiare dunque, alacre e puntuale nella sua accanita operosità che continua unita da più di 100 annate agrarie nelle quali può raffigurarsi anche il grafico dell’evoluzione della risicoltura nel Vercellese; il ritmo di lavoro che la muove è il risultato di una spinta concorde, alla quale il capostipite ha dato il primo impulso, ed i suoi discendenti ne hanno continuato il sagace governo, per decenni, tutti mostrandosi guidati in modo spiritualmente armonico nella fedeltà alla terra.

Ecco cosa ho avuto piacere di provare , una selezione di Carnaroli, Arborio e Vialone Nano.

DSCF5696

Tutti nel comodissimo formato sottovuoto che ne garantisce l’integrità anche nel tempo. Ottimo come appena confezionato. Chicchi perfetti per piatti degni di uno chef. Molto versatile e soprattutto una cosa che mi è piaciuta tantissimo che si cuoce nei tempi indicati nella confezione…  Ve li presento singolarmente:

DSCF5698

 

Carnaroli

Il riso Carnaroli viene considerato uno dei migliori risi italiani.

Eccellente per la tenuta di cottura in qualsiasi preparazione, è quindi l’ideale per risotti pregiati e piatti regionali.

È infatti in grado di amalgamare ed esaltare i sapori ed i cibi più diversi.

Con questo riso, applicando, un pò della vostra dedizione e fantasia, riuscirete ad ottenere il massimo; piatti nutrienti, gustosi e magari economici.

Riso superfino che occupa insieme al Vialone Nano i livelli qualitativi più alti della produzione italiana.

L’amido del Carnaroli ha una composizione particolare, molto ricca di amilosio, che rende i chicchi decisamente consistenti e assicura perdite minime durante la cottura, garantendo nel contempo una buona capacità di assorbimento. Per le sue qualità è ormai considerato da chef ed appassionati “il re dei risi”.

DSCF5697

Arborio

Riso superfino che prende il nome dalla cittadina vercellese dove ebbe origine nel 1946 per derivazione dal Vialone.

È un riso storico e per molti anni è stato, specialmente all’estero, sinonimo di riso italiano di qualità.

Tra i risi italiani è quello che ha i chicchi più grandi, si presta ottimamente per i risotti grazie al suo alto contenuto in amido e consente di ottenere preparazioni ben mantecate. Le grandi dimensioni del chicco proteggono dall’eccesivo calore della cottura il nucleo interno ricco di amido che perciò rimane sempre al dente.Viene utilizzato anche per la preparazione di timballi.

L’Arborio ha un chicco molto grosso ed è il più amato dagli italiani, anche se non è uno dei risi pi� nuovi. Durante la cottura il calore penetra prima la parte più esterna, mentre il nucleo ricco di amido rimane al dente. È usato sopratutto per risotti: l’alto contenuto di amido permette di realizzarli ben mantecati. Un uso molto interessante è quello del timballo.

DSCF5699

Vialone Nano

Il Vialone Nano, a granelli tondeggianti, è un ottimo riso che assorbe bene i condimenti ed ha una valida resa in cottura.

Gradito per antica tradizione gastronomica nel Veneto e nel Mantovano, è adatto più per risotti che per minestre. Si può combinare con i sapori più tradizionali: la zucca, le lumache, la selvaggina. Ciò permette di avere una varietà di impieghi e, con un pò d’amore, si possono realizzare piatti gustosi anche con ingredienti semplici.

È il capostipite dei risi da risotto. È molto apprezzato per il chicco morbido e leggero,meno sgranato del Carnaroli e quindi scelto da coloro che amano i risotti più fluidi e le insalate più soffici. Appartiene ai risi semifini,quindi presenta un corpo tondeggiante,molto ricco di amilosio. È ideale per le preparazioni di grande cucina,in alternativa al Canaroli.Ha una particolare capacità di legarsi a zucche, lumache e selvaggina.

Ideale per i risotti più raffinati, ma anche per le insalate di riso e tutte le preparazioni dell’alta gastronomia per il bell’aspetto del chicco.

 

Presto vi posterò le ricette che ho preparato con questo magnifico riso!

Intanto vi lascio il SITO dell’azienda .

Seguitemi sempre, a presto

Annunci

14 thoughts on “Dalla terra alla mensa

  1. amo il riso anche in bianco ,basta che non diventi troppo morbido ,dovrò provare questa marca!aspetto un buon risotto

  2. Sono un’appassionata di risotti, il mio preferito è il risotto con asparagi e ricerco sempre il riso giusto, non ho ancora provato il riso Ferraris ma non mancherò di comperarlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...